I pezzi

Il Re è il pezzo più importante dello schieramento, dato che perderlo significa automaticamente essere sconfitti; si muove di una casa alla volta in una qualunque direzione, tranne durante l’Arrocco, quando può muoversi di due case in un colpo solo.
Il Re non può attraversare in alcun momento della partita le case che sono sotto il tiro di pezzi avversari; se ciò accadesse l’avversario deve far notare l’errore, ritornando alla posizione precedente e proseguendo la partita con una mossa corretta.
La Regina si sposta in una qualunque direzione di quante case si desidera lungo una colonna, una traversa o una diagonale, ma sempre e solo in linea retta; è il pezzo più forte sulla scacchiera, e in una scala da 1 a 10, ha un valore approssimativo pari a 10.
La Torre muoversi a piacimento solamente lungo colonne o traverse; Dopo la Regina, la Torre è il pezzo più potente degli scacchi, con un valore pari a 5.
La Regina e la Torre sono denominate figure pesanti, avendo possibilità di colpire da lontano e di muoversi su case chiare e scure.
L’Alfiere si muove lungo le diagonali; ogni giocatore ha due Alfieri, uno si muove lungo le diagonali scure, l’altro lungo quelle chiare, e sono perciò denominati rispettivamente Alfiere camposcuro e Alfiere campochiaro; si tratta un pezzo molto agile e dalla lunga gittata; il suo valore è 3.
Il Cavallo è il pezzo più caratteristico degli scacchi, dotato di un movimento particolare e della possibilità di saltare pezzi sia propri che dell'avversario.
Il Cavallo si muove facendo una L sulla scacchiera di 2x3 comprea la casa di partenza e quella di arrivo: ad esempio se si trova nella casa d4 può muoversi in 8 diverse posizioni, b3, b5, c2, c6, d6, e2, f3 o f5.
L'Alfiere ed il Cavallo sono denominati figure leggere, appunto perché sono meno potenti della Regina e della Torre.
E' buona norma muovere i Cavalli verso il centro della scacchiera da dove possono spaziare in più direzioni, e verso posizioni chiuse e con molti pezzi sulla scacchiera; il suo valore è 3.
Anche il Pedone ha un movimento particolare: si muove in un certo modo(di una sola casa alla volta in avanti, tranne che partendo dalla fila di partenza, nel qual caso può spostarsi anche di due case in un colpo solo), mentre per mangiare si muove in tutt’altra maniera(una casa in diagonale, ma sempre e solo in avanti).
Quando un Pedone raggiunge il fondo della scacchiera, cioè l’ultima traversa, ha il diritto di essere promosso in un qualunque altro pezzo(in genere la Regina perché è il pezzo più mobile e potente) tranne che Re.
Il Pedone è dotato di un altro movimento molto particolare, la presa al varco, detta anche presa en passant, che si può effettuare solo in condizioni ben definite, consiste nel mangiare un Pedone avversario spostando il proprio Pedone non nella casa di quest’ultimo, ma in quella alle sue spalle ed eliminandolo contemporaneamente dalla scacchiera(è l’unico caso negli scacchi in cui un pezzo può mangiarne un altro senza occuparne la sua casa); tale mossa si può compiere soltanto quando un Pedone avversario ne affianca uno nostro uscendo di due case dalla fila di partenza, e in tal caso il nostro Pedone può mangiarlo collocandosi nella casa posta alle sue spalle; la presa al varco va effettuata subito dopo l’affiancamento, altrimenti alla mossa successiva si perde il diritto di farla.
Il valore del Pedone è 1.
L’Arrocco è l’unica mossa degli scacchi in cui un giocatore può muovere due suoi propri pezzi in un colpo solo, il Re e una delle due Torri, può essere effettuata solo una volta durante la partita, e necessita di alcune codizioni per poter essere effettuata: il Re non deve mai essere stato mosso prima durante la partita, non si deve trovare sotto scacco, ne attraversare case sotto attacco; la Torre coinvolta nell’Arrocco non deve mai essere stata spostata prima durante la partita; fra il Re e la Torre non ci devono essere altri pezzi.
Il movimento dell’Arrocco viene effettuato con la seguente regola: il Re si sposta di due case verso la Torre e questa gli si mette a fianco dall’altra parte.
Si parla di Arrocco corto e Arrocco lungo a seconda che il lato sia quello più vicino o più lontano dalla Torre.
Tabella dell' arrocco lungo Colore Posizione prima dell'arrocco Posizione dopo l'arrocco Arrocco lungo Bianco: Re in e1 e Torre in a1 diventano Re in c1 e Torre in d1.
Arrocco lungo Nero: Re in e8 e Torre in a8 diventano Re in c8 e Torre in d8.
Arrocco corto Bianco Re in e1 e Torre in h1 diventano Re in g1 e Torre in f1.
Arrocco corto Nero Re in e8 e Torre in h8 diventano Re in g8 e Torre in f8.

Sei in iSogn@tori  > Vizi per la mente  > Giochi  > Scacchi  > I pezzi 


Commenti  Commenti  ( 1 )










 Versione precedente del sito
 Informativa sull'utilizzo dei cookies